Terzo Conto Energia, dal Gse le Regole Tecniche e la Guida per Fv innovativo integrato

A questa domanda rispondono con dovizia di particolari le Regole Tecniche, pubblicate nei giorni scorsi dal Gestore Servizi Energetici. Nel documento tecnico, finalizzato tra l’altro ad assicurare chiarezza e trasparenza verso gli operatori, si definiscono le modalità di individuazione della tipologia di tariffa incentivante a cui l’impianto fotovoltaico può accedere, le relative modalità di accesso, incluse quelle riguardanti i premi eventualmente richiesti.

Il suo obiettivo è infatti fornire le indicazioni necessarie all’attuazione delle disposizioni stabilite dal decreto ministeriale 6 agosto 2010 (il nuovo conto energia) e dalla delibera dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas ARG/elt 181/10 finalizzata all’incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare.

Insieme al documento tecnico, sul sito del Gse, è inoltre consultabile, anche la Guida alle applicazioni innovative finalizzate all’integrazione architettonica del fotovoltaico prevista dallo stesso decreto ministeriale. Si tratta di un testo molto interessante che fornisce un’analisi delle varie soluzioni innovative disponibili per l’integrazione del fv in archiettura (tegole e vetri fv, moduli per facciate e così via).

Dopo la consultazione avviata sempre nei giorni scorsi dal Gse,  i testi saranno rivisti alla luce delle osservazioni ricevute e trasmessi all’Aeeg per le verifiche di competenza.

Il Gse pubblica i dati sugli incentivi

Il documento, pubblicato oggi dal Gse, offre una panoramica dell’andamento dei meccanismi di incentivazione in Italia, escluso il conto energia per il fotovoltaico. Dai dati risulta che con i certificati verdi sono stati incentivati circa 17 TWh di elettricità pulita, mentre quella valorizzata con la tariffa onnicomprensiva ammonta a 630 GWh.

Quest’ultimo sistema fa registrare un vero e proprio boom nei primi mesi dell’anno dal momento che sono 548 sono i GWh di energia rinnovabile ritirati a fronte di un totale di 630 GWh per l’intero 2009.

Più nel dettaglio, dal bollettino emerge che, nel 2009, la quota d’obbligo pari al 4,55% sull’energia prodotta e importata da fonti  convenzionali e soggetta a obbligo di copertura nel 2008, ha determinato una domanda di 8,5 milioni di Certificati Verdi aventi taglia di 1 MWh.

Sul fronte dell’offerta, il Gse ha emesso, per le produzioni 2009, 17,5 milioni di CV, la maggior parte dei quali relativi a impianti idroelettrici, eolici e a biomasse e rifiuti. A questi si aggiungono 1,1 milioni di CV emessi a favore dell’energia prodotta da impianti di cogenerazione abbinati al teleriscaldamento.

Secondo quanto previsto dalla normativa, il Gse ha anche provveduto al ritiro dei CV aventi diritto per un totale, nel 2010, di 9,9 milioni di CV relativi alle produzioni 2007, 2008 e 2009.

Parallelamente alla crescita del numero di impianti ammessi al beneficio degli incentivi – alla data del 30 giugno 2010 risultano qualificati 3.441 impianti, di cui 2.338 in esercizio (14,6 GW) e 1.103 in progetto (8,2 GW) – sono aumentati anche i controlli effettuati dal Gse per verificare la sussistenza dei requisiti richiesti. Alla fine del primo semestre dell’anno sono stati ben 416 i controlli in sito eseguiti (376 su impianti Iafr e 40 su impianti di cogenerazione abbinati al teleriscaldamento), 56 dei quali solo nell’ultimo semestre.

Calore solare poco sfruttato…

Eletto presidente di Estif nel corso dell’Assemblea generale dell’associazione, che ha avuto luogo nei giorni scorsi, Robin Welling (ceo dell’austriaca TiSun) ha assicurato il suo impegno affinché nei prossimi anni la Federazione del solare termico europeo intensifichi le sue attività per fare del solare termico e del calore dalle rinnovabili una delle priorità dall’agenda politica energetica europea.

Dal 2011 il trend positivo dovrebbe e in particolare in Germania, Austria, Grecia e Italia, è prevista una lieve crescita o almeno una conferma dei valori 2010. Secondo Estif una vera svolta positiva avverrà a medio termine, quando il settore beneficerà del recepimento della direttiva comunitaria sul rendimento energetico nell’edilizia e dell’attuazione dei piani nazionali per incrementare l’uso delle fonti rinnovabili. Ma è necessario – ha concluso Welling – fornire al settore gli strumenti legislativi adeguati per garantire lo sfruttamento dell’enorme potenziale del settore.

Parchi eolici senza turbine…

È possibile? Pare di si… è proprio il caso di dirlo… nelle energie rinnovabili la fantasia supera spesso la realtà. in america si stanno progettando prototipi di impianti eolici che sfruttano la spinta del vento non con le gigantesche pale eoliche talora antistetiche bensí con il movimento basculante di aste che si piegano oscilando rispetto alla verticale. Questo movimento ritmico viene trasmesso ad un congegno che converte il movimento meccanico che se ne ricava in corrente elettrica.

Aumenta l’efficienza delle celle…

Il pannello fotovoltaico, come tutti ormai sanno, è uno dei più diffusi sistemi per la produzione di energia elettrica mediante la conversione della energia radiante de sole in corrente elettrica continua. La corsa all’aumento della resa, che con le comuni celle in silicio cristallino può giungere al 11-12%, fa si che nei laboratori si ricerca si stiano sviluppando metodi alternativi per il potenziamento della resa con l’utilizzazione di speciali sistemimultistrato con l’utilizzo di Gallio, Arsenico, Germanio e Indio III e V colonna della tavola perdiodica.

la cosa interessante è che ora la Boeing sussidiaria della Spectrolab sta portando questo tipo di efficienza ad una produzione industriale con la sua C3MJ+ solar cell che avrà un’efficienza media del 39,2%. Un bel passo avanti nel processo di ammodernamento delle tecniche di produzione di energia da fonti rinnovabili.

Un grandissimo aiuto dal sole!

Per energia solare si intende l’energia, termica o elettrica, prodotta sfruttando direttamente l’energia irraggiata dal Sole (fonte rinnovabile) verso la Terra. In qualsiasi momento il Sole trasmette sull’orbita terrestre 1367 watt per m². L’energia solare è quella normalmente utilizzata dagli organismi autotrofi, cioè quelli che eseguono la fotosintesi, detti anche “vegetali”. Gli altri organismi viventi sfruttano invece l’energia chimica ricavata dai vegetali (o da altri organismi che a loro volta si nutrono di vegetali), quindi sfruttano anch’essi l’energia solare, seppur indirettamente.

La quantità di energia solare che arriva sul suolo terrestre è quindi enorme e può essere utilizzata per generare elettricità (fotovoltaico) o per generare calore (solare termico). Sono tre le tecnologie principali per trasformare in energia sfruttabile l’energia del sole

  • Il pannello solare termico sfrutta i raggi solari per scaldare un liquido con speciali caratteristiche, contenuto nel suo interno, che cede calore, tramite uno scambiatore di calore, all’acqua contenuta in un serbatoio di accumulo;
  • Il pannello solare a concentrazione sfrutta una serie di specchi parabolici a struttura lineare per concentrare i raggi solari su un tubo ricevitore in cui scorre un fluido termovettore o una serie di specchi piani che concentrano i raggi all’estremità di una torre in cui è posta una caldaia riempita di sali che per il calore fondono. In entrambi i casi “l’apparato ricevente” si riscalda a temperature molto elevate (400 °C ~ 600 °C)
  • Il pannello fotovoltaico sfrutta le proprietà di particolari elementi semiconduttori per produrre energia elettrica quando sollecitati dalla luce.

Presentazione

GIOLUX impianti tecnologici ed Energie Rinnovabili è un’azienda leader per la progettazione e messa in opera di impianti elettrici ed idraulici, termoidraulica, domotica e da più di dieci anni realizza impianti ad energie rinnovabili essendo stato uno dei primi installatori professionisti per fotovoltaico, solare termico.

Da alcuni anni è impegnata in attività di promozione e diffusione di servizi e impianti ad energie rinnovabili che rientrano nell’incentivazione del conto energia (eolico e geotermico).

Esegue attività di bioedilizia orientati al risparmio energetico quali isolamento termico mediante cappotto esterno, impianti di riscaldamento a pannelli radianti, caldaie a condensazione, pompe di calore).

Da sempre appassionato di nuove tecnologie a basso impatto ambientale Giordano Tiberi della GIOLUX impianti e la sua equipe di tecnici specializzati offre un servizio a 360 gradi con la massima serietà e garanzia di risultati certi e duraturi, nonché assistenza anche in casi di urgenza.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: